Tradizioni, superstizioni e credenze per la Sposa

Tradizioni, superstizioni e credenze per la Sposa

Il matrimonio è un rituale antico nella storia dell’essere umano, e come tale è circondato da tradizioni e superstizioni da rispettare, affinchè tutto si svolga nel migliore dei modi. In Italia ce ne sono tantissime, ogni regione ha le proprie. Vediamo quelle che la sposa dovrebbe rispettare nel giorno più bello della sua vita.

Le Cinque Cose

Questa tradizione è una delle più famose, e consiste nell’indossare, il giorno del matrimonio, cinque cose: una nuova, che simboleggia la vita che sta per iniziare; una vecchia, ovvero il passato che ci si lascia alle spalle per non dimenticare il cammino che si è intrapreso; una cosa prestata, che simboleggia l’affetto degli amici e dei familiari; una cosa regalata che rappresenta l’affetto delle persone care ed infine una cosa di colore blu. Questa tonalità indica la purezza e la sincerità, due doti che ogni sposa dovrebbe possedere. Anticamente, poi, l’abito della sposa era proprio blu. Per non venire meno del tutto alla tradizione, oggi si usa indossare una giarrettiera con un nastrino blu. Nello specifico le cinque cose possono essere: l’abito nuziale, la biancheria intima, un fermaglio per capelli o un gioiello.

Tradizioni, superstizioni e credenze per la Sposa
Tradizioni, superstizioni e credenze per la Sposa

La giarrettiera

C’è una tradizione antica che riguarda la giarrettiera che indosserà la sposa, il giorno del matrimonio. In passato infatti si usava prendere un pezzettino del vestito della sposa come buon auspicio. Con gli anni, poi, questa usanza si è spostata sulla giarrettiera, per evitare di rovinare l’abito nuziale. La tradizione vuole che la sposa indossi la giarrettiera, e che a toglierla sia lo sposo, per poi lanciarla tra gli uomini invitati alla cerimonia. Chi riuscirà ad aggiudicarsela, sarà fortunato per tutto l’anno a venire.

Il Bouquet

Tradizionalmente il bouquet è l’ultimo regalo dello sposo alla sposa, da fidanzato. La donna dovrà sceglierlo in modo che si abbini al vestito, ma sarà lo sposo ad acquistarlo e a farlo arrivare a casa della sua amata, il giorno del matrimonio.

Tradizioni, superstizioni e credenze per la Sposa
Tradizioni, superstizioni e credenze per la Sposa

Altre tradizioni italiane

Ci sono poi alcune usanze tipiche del nostro Paese per il giorno delle nozze. Ad esempio, la sposa non deve guardarsi allo specchio con il vestito nuziale il giorno del matrimonio. L’unico modo per farlo è togliersi una scarpa, un guanto o un orecchino, prima di guardarsi. Affinchè il matrimonio sia fortunato, il velo dovrebbe essere regalato alla futura sposa da una donna felicemente coniugata. Inoltre, in alcuni paesi del Sud Italia è ancora valida la tradizione secondo cui il velo della sposa deve essere lungo tanto quanto gli anni di fidanzamento (ogni metro, un anno). Un’altra tradizione piuttosto famosa (e non solo in Italia) è quella che prevede che lo sposo non veda l’abito della sposa prima della cerimonia. Per quanto riguarda i giorni del matrimonio, nel nostro Paese si dice “Né di Venere né di Marte non si sposa non si parte, non si dà principio all’arte”, perché sembra che proprio in quei giorni siano stati creati gli spiriti maligni, in Norvegia gran parte dei matrimoni si celebra proprio il venerdì, perché si dice sia il giorno romantico per eccellenza, in quanto protetto dalla Dea Venere.

Carmen Iodice

Carmen Iodice

Avvocato Civilista Tributarista
Cassazionista
Docente in diritto di famiglia
Perfezionata in Amministrazione e Finanza degli Enti Locali
Appassionata del web
Amministratrice e creatrice del magazine COME magazine.
carminaiodice@gmail.com
fax 06.23326813
Carmen Iodice
About Carmen Iodice 125 Articles
Avvocato Civilista Tributarista Cassazionista Docente in diritto di famiglia Perfezionata in Amministrazione e Finanza degli Enti Locali Appassionata del web Amministratrice e creatrice del magazine COME magazine. carminaiodice@gmail.com fax 06.23326813

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*